Cedimenti delle fondazioni: la tua casa è sicura?

 In Suggerimenti

Come posso accorgermi se la mia casa è interessata da cedimenti delle fondazioni?

Spesso per parlare dello stato di un edificio si usa l’analogia col corpo umano. Questa analogia è molto antica. I termini che indicano il malessere di un uomo: infermo, infermità etc… derivano tutti dal termine latino firmitas (stabilità). Termine che guarda caso indica anche lo stato di buona salute di un edificio. Quando una persona è malata si chiama il medico perché faccia una diagnosi e soprattutto prescriva una cura. Allo stesso modo quando un edificio presenta crepe nei muri e lesioni, si deve chiamare un Tecnico specializzato. Un geometra, ingegnere, geologo o architetto che possa valutare la problematica e la gravità di queste crepe e fessurazioni.

Visto che gli edifici devono essere curati e mantenuti in buona salute, può essere utile conoscere i sintomi dei cedimenti delle fondazioni!

Uno dei primi sintomi a manifestarsi quando si parla di cedimenti delle fondazioni è la comparsa di crepe nei muri divisori. Parliamo quindi di muri non portanti, di solito costruiti in mattoni forati e di spessore ridotto. Sono anche detti muri di tamponamento o anche di tompagnatura. Hanno funzione di proteggere l’edificio e di dividere le stanze. Essendo più fragili sono spesso i primi a presentare lesioni quando c’è un cedimento differenziale in atto. Se i muri sono al piano più basso può trattarsi anche di un cedimento della pavimentazione che non interessa la struttura portante e le fondazioni (questo va però verificato). Se invece i divisori che manifestano crepe si trovano ai piani superiori e quindi appoggiano sui solai, quasi sicuramente si tratta di un problema strutturale e probabilmente legato a problemi fondali.

Quindi per concludere le crepe su muri non portanti non sono per lo più pericolose. Esse però possono essere un sintomo di problematiche più serie e strutturali. Perciò va monitorata l’evoluzione di queste lesioni e soprattutto serve l’aiuto di un tecnico per comprenderne la causa.

Nel caso le crepe siano dovute all’effetto di un terremoto, di solito i muri divisori si lesionano con le tipiche fessurazioni a X. Questo tipo di crepe sono caratteristiche in quanto dovute all’oscillazione della struttura nelle due direzioni, durante il sisma.

Altro segnale da non sottovalutare è un sintomo che a volte si manifesta ancor prima della comparsa delle lesioni sui muri! Si tratta delle porte e delle finestre che chiudono male o non si aprono più. Anche in occasione di episodi di questo tipo il consiglio è consultare un esperto che possa aiutarci a comprendere le cause del problema.

Dott. Cristian Setti

Geologo

Post suggeriti
Crepe nei muri interni: quando preoccuparsi
Inviaci un messaggio.
Sarai ricontattato entro 24 ore.