PROBLEMATICA

Il cedimento riguardava una porzione di edificio in muratura situato nelle colline di Arezzo. Il fabbricato presentava fondazioni superficiali in muratura, prive di allargamenti alla base.

SOLUZIONE E DESCRIZIONE INTERVENTO

Si è deciso di intervenire con un consolidamento mediante installazione di micropali precaricati in acciaio di diametro 76mm. Vista l’assenza di fondazioni si è reso necessario realizzare preliminarmente un cordolo in cemento armato opportunamente collegato con la muratura; all’interno del cordolo sono stati predisposi appositi tubi camicia collegati con i ferri di armatura. Gettato il cordolo e atteso il periodo di maturazione sono stati installati 14 pali direttamente a contrasto con la struttura, sfruttando il tubo camicia come “aggancio” per i martinetti e come collegamento finale del palo alla struttura. I pali hanno raggiunto profondità medie di 6 m.

TEMPISTICHE E VANTAGGI RISPETTO A TECNICHE TRADIZIONALI

L’opera di palificazione vera e propria ha richiesto solamente 2 giorni, con il precarico e la verifica delle pressioni di installazione di ogni singolo palo. Al termine delle opere il Committente ha potuto realizzare i marciapiedi esterni mantenendo l’opera di sottofondazione al di sotto del piano di calpestio.

Contattaci per maggiori informazioni su questa Case History

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Provincia

Il Tuo Telefono (richiesto)

Il tuo messaggio

Accetto la legge sulla privacy

 Desidero iscrivermi alla vostra newsletter